Home
MINORI: BERNARDINI (PD), SU AFFIDO CONDIVISO IL GOVERNO VADA OLTRE PDF Stampa E-mail

MINORI: BERNARDINI (PD), SU AFFIDO CONDIVISO IL GOVERNO VADA OLTRE

(AGENPARL) - Roma, 02 nov - "L’incontro che si è svolto la scorsa settimana al Ministero della Giustizia tra i rappresentanti del Governo e i Presidenti dei tribunali ordinari e minorili è stato anche utilizzato per fare il punto della situazione sul sostanziale boicottaggio della legge sull’affido condiviso ad opera della magistratura. Nell’occasione il sottosegretario Casellati ha formulato l’auspicio che la legge sull’affidamento dei figli dopo la rottura del matrimonio venga interpretata coerentemente con quelle che sono le attese dei cittadini. Tutto ciò rappresenta sicuramente un primo importante passo nella giusta direzione, anche perché il pressoché totale disinteresse dimostrato fino a questo momento dal Governo per la disomogenea e non corretta applicazione della legge n. 54/2006 sta avendo dei costi sociali non certo irrilevanti in quanto, come dimostrano recenti studi scientifici, il coinvolgimento del padre nella crescita dei figli migliora lo sviluppo cognitivo della prole, riduce i problemi psicologici nelle giovani donne, diminuisce la delinquenza giovanile e riduce lo svantaggio economico nei ragazzi. Occorre prendere atto una volta per tutte che la componente più debole in una famiglia in crisi sono proprio i bambini, per questo chiediamo al Governo di andare oltre gli auspici del sottosegretario Casellati e di dare immediato riscontro alla diffida collettiva notificata al Ministro della Giustizia dall’associazione Adiantum compiendo finalmente tutti quei passi necessari e concreti affinché venga assicurata anche ai figli dei genitori separati o divorziati una doppia tutela genitoriale pienamente sviluppata". E' quanto si legge in una dichiarazione stampa di Rita Bernardini, deputata radicale, membro della Commissione Giustizia della Camera e di Alessandro Gerardi, Tesoriere della Lega Italiana per il Divorzio Breve

 
Adiantum, le doppie iscrizioni e la Class Action PDF Stampa E-mail

Adiantum, le doppie iscrizioni e la Class Action

E' comparso in rete sul nostro forum questo interessante quesito, che mi fornisce l'occasione di esprimere il mio pensiero su una serie di questioni importanti per la vita associativa, premettendo che parlo a titolo strettamente personale. Crescere Insieme si pronuncerà, se del caso, a livello Consiglio direttivo. Il messaggio, dunque, dice:

Leggi tutto...
 
Paternità e Maternità parificate al Senato nelle ipotesi di giustificata interruzione del praticantato degli avvocati Un emendamento nella legge sulla riforma forense, approvato dal Senato, ha stabilito che paternita’ e maternita’ possono essere entrambi PDF Stampa E-mail

Paternità e Maternità parificate al Senato nelle ipotesi di giustificata interruzione del praticantato degli avvocati

Un emendamento nella legge sulla riforma forense, approvato dal Senato, ha stabilito che paternita’ e maternita’ possono essere entrambi buone motivazioni per interrompere il tirocinio e non venire sospesi dal registro dei praticanti avvocati.

Leggi tutto...
 
Nel Regno Unito spazio alla Mediazione Familiare preventiva PDF Stampa E-mail

 

Una parte importantissima del nostro DDL passa nel Regno Unito

SPAZIO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE PREVENTIVA....

Lawyers to be kept out of divorce battles

Lawyers will be kept out of thousands of family dispute cases every year in a shake-up of divorce laws.

Leggi tutto...
 
Comunicato stampa dell 'AIMEF sull' AFFIDAMENTO CONDIVISO PDF Stampa E-mail

 

nella “Giornata Nazionale della Mediazione Familiare”
21 ottobre, nelle principali città italiane
Estratto dal Comunicato: "L’A.I.Me.F. ritiene che per una reale attuazione dell’affidamento condiviso, introdotto dalla legge 8 febbraio 2006, n. 54, sia necessario sollecitare in modo esplicito una prassi che renda operativo il pensiero non solo sul cittadino, ma anche sulla persona."

 

Per la Toscana Comunicato e programma

 
«InizioPrec.313233343536373839Succ.Fine»

Pagina 35 di 39
 

Sondaggi

Ogni anno in Italia tantissimi figli perdono il contatto con un genitore PER AVERLO RIFIUTATO. Perchè in Italia il diritto non affronta il problema e non si adotta una specifica legge su una questione così delicata?
 

Chi è online

 25 visitatori online