Home
Novità dal Senato PDF Stampa E-mail

Un primo importante passo verso il trasferimento delle competenze al tribunale ordinario

Il Senato ha approvato un emendamento (Poretti, Perduca) che prevede che se vengono segnalati maltrattamenti mentre è in corso una causa di separazione o divorzio la questione sia esaminata dallo stesso giudice del tribunale ordinario, anziché dal tribunale per i minorenni, come avviene adesso: «Per i procedimenti di cui all'articolo 333 resta esclusa l'ipotesi in cui sia in corso, tra le stesse parti, giudizio di separazione o divorzio o giudizio ai sensi dell'articolo 316. In tale ipotesi e per tutta la durata del processo, la competenza, anche per i provvedimenti contemplati dalle norme richiamate, spetta al giudice ordinario».

 
Interventi in Senato di Donatella Poretti PDF Stampa E-mail

Non può che far piacere la serie di interventi in Senato di Donatella Poretti a favore di ogni forma di parità giuridica all'interno della famiglia: tra figli naturali e legittimi, come tra genitori nei loro confronti. E' una posizione moderna, adeguata ai tempi, sensibile al giusto desiderio femminile di pari opportunità, ma soprattutto adeguata al senso di giustizia che dovrebbe guidare ogni norma di legge. E in aggiunta è apprezzabile la sua fermezza nel dissociarsi da proposte "retro" del suo gruppo, come quella di mantenere in piedi le competenze del Tribunale per i Minorenni in materia di separazione e affidamento, anziché indirizzare anche le coppie non coniugate al Tribunale Ordinario. Non c'è che augurarsi che il suo esempio abbia un forte effetto di trascinamento su chi, almeno per ora, esplicitamente o implicitamente, evidenzia nostalgie per l'antico regime. (M.M.) Leggi l'intervento

 
AFFIDO CONDIVISO: ASSOCIAZIONE DIFFIDA A MINISTRO ALFANO PDF Stampa E-mail

AFFIDO CONDIVISO: ASSOCIAZIONE DIFFIDA A MINISTRO ALFANO

(AGI) - Roma, 27 set - “Il diritto del minore alla bigenitorialita’ non puo’ rimanere solo sulla carta, per questo motivo sosteniamo la decisione presa da Adiantum (Associazione di Associazioni Nazionali per la Tutela dei Minori, ndr) di notificare al Ministro della Giustizia una diffida collettiva in nome e per conto di oltre 100 genitori separati nella quale si chiede alla pubblica amministrazione di garantire il pieno rispetto delle disposizioni contenute nella legge n. 54 del 2006″.

Leggi tutto...
 
L'affido condiviso resta sulla carta PDF Stampa E-mail

L'affido condiviso resta sulla carta

E' il momento dei bilanci per la Legge 54, che sancisce l'applicazione dell'affidamento condiviso in caso di separazione o divorzio. E a distanza di quattro anni dalla sua entrata in vigore, è lo stesso autore del testo Marino Maglietta a decretarne il completo fallimento.

Dati alla mano ci si rende presto conto di come l'affido condiviso, ed i principi che ne sono alla base, resti sostanzialmente inapplicato soprattutto secondo Maglietta, cui va il merito di questa rivoluzione nel diritto di famiglia: “per la difficoltà da parte dei giudici a staccarsi da precedenti prassi consolidate, che sono proprio quelle che la nuova legge intende correggere”.

Il principio della “bi-genitorialità”, che la legge avrebbe dovuto promuovere, rimane quindi nella maggior parte dei casi solo un concetto astratto. 

leggi tutto l'articolo

 
Crescere Insieme: associazione per la tutela dei figli PDF Stampa E-mail

Crescere Insieme è una associazione nazionale costituita da uomini e donne, sposate e non, con figli e senza  il cui obiettivo primario è tutelare il diritto del minore di mantenere rapporti continuativi e significativi con entrambi i genitori, ancorché separati.

Crescere Insieme non è un associazione di padri separati e la legge dell'affido condiviso non è una rivendicazione del sesso maschile è una legge che tutela i figli e i loro diritti. 

Leggi chi siamo ed  i nostri scopi 

 
«InizioPrec.313233343536373839Succ.Fine»

Pagina 36 di 39
 

Sondaggi

Ogni anno in Italia tantissimi figli perdono il contatto con un genitore PER AVERLO RIFIUTATO. Perchè in Italia il diritto non affronta il problema e non si adotta una specifica legge su una questione così delicata?
 

Chi è online

 112 visitatori online