Home Alienazione Genitoriale La suggestionabilità dei bambini, Prof Gullotta, dr.ssa Daniela Ercolin
La suggestionabilità dei bambini, Prof Gullotta, dr.ssa Daniela Ercolin PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Giugno 2013 00:00

Riassunto

Obbiettivo: questo studio affronta uno dei temi fondamentali della psicologia della testimonianza: la suggestionabilità dei bambini, ovvero la tendenza dei piccoli testimoni a raccontare eventi mai accaduti, sulla base dei suggerimenti che ottengono dall' adulto che li interroga.

Metodo: abbiamo intervistato 53 bambini dell'età di 6, 7 e 8 anni su un particolare evento avvenuto nella loro aula scolastica. Ai bambini sono state poste 6 domande aperte non suggestive (lasciano ampia libertà di risposta) e 20 domande chiuse suggestive (la risposta è già contenuta nella domanda e suggeriscono false informazioni sui fatti accaduti).

Risultati: dall'analisi delle risposte è emerso che, in generale, i bambini sono risultati attendibili nel raccontare l'evento, quando sono stati interrogati con

domande aperte non suggestive. Invece, alle domande chiuse suggestive la maggior parte dei bambini ha risposto in modo da confermare i suggerimenti in esse contenute e accettando così l'esistenza di fatti mai verificatisi. Infine, quando alcune domande sono state poste loro una seconda volta (domande ripetute), i bambini hanno modificato la versione dei fatti precedentemente fornita, dimostrando, quindi, di approvare la verità proposta dall'intervistatore adulto a scapito della propria. 

Conclusioni: dal nostro studio emerge un quadro allarmante in tema di testimonianza infantile. In definitiva abbiamo trovato che i bambini si lasciano

facilmente suggestionare da un adulto, accettando le informazioni (non veritiere) da quest'ultimo suggerite e raccontando fatti mai accaduti. Molti sono stati i bambini che, piuttosto di affermare di non ricordare o di non sapere quanto chiesto dall'adulto, hanno introdotto nei loro racconti particolari falsi (contenuti nelle domande poste loro) e in parte inventati (frutto della loro fantasia).

Leggi lo studio completo